Parco della Piana

 

Parco della Piana

Soggetti : L’area è frequentata da molte specie di uccelli acquatici come l’airone cenerino, l’airone bianco maggiore, il cavaliere d’Italia, lo svasso maggiore, il tuffetto, la folaga, il martin pescatore e varie anatre. Fra i rapaci che frequentano l’area ci sono lo sparviere, il falco di palude, la poiana, il gheppio, l’allocco, il gufo comune e la civetta. Abbondanti anche vari passeriformi (verdone, cardellino, frosone, migliarino di palude, ecc.) e il picchio verde. Nell’area sono presenti 5 specie di anfibi: il tritone crestato, il tritone punteggiato, la raganella italiana, il rospo smeraldino e la rana verde.

Attrezzatura necessaria : Da 300mm per l’avifauna, consigliato un obiettivo macro in primavera-estate.

Periodo : Tutto l’anno vi sono opportunità fotografiche, anche se i periodi migliori sono autunno e primavera.

Come arrivare : Facilmente raggiungibile dai caselli A1 di Calenzano/Sesto Fiorentino o Firenze Nord, proseguire in direzione Sesto Fiorentino centro e seguire le indicazioni per il Parco della Piana.

Parco della Piana

Visite : Sempre aperto il sabato, la domenica e nei festivi tutto l’anno con orario continuato sino al tramonto. Per info contattare il responsabile, Simone Guidotti, email: [email protected]

Note : Il Parco della Piana (ANPIL “Podere La Querciola”) è situato nel Comune di Sesto Fiorentino, a nord dell’autostrada A11, nel territorio comunemente conosciuto come Piana Fiorentina. L’area protetta si estende per circa 50 ettari e comprende al suo interno vari luoghi di rilevante interesse naturalistico. Ne fanno parte 4 zone umide: il Lago di Padule, la cassa d’espansione di Case Nuove, il Laghino dei Cavalieri e l’Area attrezzata. Nel 2008, grazie all’intervento del Consorzio di Bonifica dell’Area Fiorentina, è stato realizzato un piccolo stagno di 300 metri quadri per l’osservazione degli anfibi. Sono in corso di realizzazione il “chiaro dei limicoli” (beccaccinaia), l’orto botanico acquatico e il giardino delle farfalle. I lavori prevedono anche la realizzazione di una parete per topino, martin pescatore e gruccione che nidificano in cavità.

 

Fonte: https://www.juzaphoto.com/

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: All rights reserved (c) massimocasa.it
Verified by MonsterInsights